lunedì 17 dicembre 2007

W l'Italia...dai nomi famosi!


Esce dai laboratori della Microsoft un nuovo progetto dall'italico ed elettrico nome: Volta.
E' la risposta di Redmond al Google Web Toolkit (GWT) il framework di Google per lo sviluppo di applicazioni web ajax .
La sostanziale differenza tra i due è che mentre la prima richiede, oltre alla presenza di Java, la conoscenza dell'ambiente web, Volta, invece, è destinato agli sviluppatori che vogliano migrare all'ambiente web, applicando, nella scrittura del codice, le tecniche più tradizionali dello sviluppo di applicazioni standard, proprie del framework e dei linguaggi .net (vb, c#, ironpython ed altri).
Le applicazioni web tradizionali erano scritte esclusivamente lato server.
Nella situazione attuale è di moda distribuire manualmente parte delle funzionalità dell'applicazione, lato client, con Javascript, Ajax e quant'altro, mantenendo gran parte della logica sugli application server remoti.
Con Volta si mira a svolgere il processo di distribuzione delle funzionalità e del codice in maniera automatizzata all'interno della soluzione client windows tradizionale.
"The Volta technology preview is a developer toolset that enables you to build multi-tier web applications by applying familiar techniques and patterns. First, design and build your application as a .NET client application, then assign the portions of the application to run on the server and the client tiers late in the development process. The compiler creates cross-browser JavaScript for the client tier, web services for the server tier, and communication, serialization, synchronization, security, and other boilerplate code to tie the tiers together."
Questa meraviglia è inclusa nel framework .net 3.5, e richiede, per l'esecuzione a design time di Visual Studio 2008.
Mmmm...la cosa è alquanto succosa!!! ;)
Technorati Tag: ,,

mercoledì 12 dicembre 2007

Siamo tutti Daniele Luttazzi.

Ecco la battuta satirica che ha causato la sospensione di Decameron, programma che, segnando il tanto atteso ritorno di Daniele Luttazzi in tv, eleggeva definitivamente La7 al disabitato Olimpo delle reti televisive libere.

Ma il bel gioco dura poco e anche a La7 hanno pensato di censurare il comico emiliano. Tirare in ballo questioni di buon gusto quando semplicemente si vuole tarpare la libertà di opinione è veramente di "cattivo gusto".

Il grottesco è stato maestro...la battuta ha colpito in pieno; ha sortito l'effetto voluto e dovuto; è stata estremamente efficace: dovremmo imparare a scandalizzarci di fronte alla guerra, al napalm, ai proiettili al fosforo, alle bombe a grappolo, alla strage di civili piuttosto che di sesso e cacca!

So che La7 fa parte di Telecom Italia Media...so che, dalla nascita, La7 ha lavorato molto e bene per proporsi come rete televisiva "libera"...so che sospendendo Decameron La7 ha gettato alle ortiche anni di duro lavoro..."mi sa che stavolta capisco la relazione".
alexanderthorn

giovedì 6 dicembre 2007

God bless...who?


Corsivo Tutti Americani?

Il sogno americano si è trasformato in incubo per il pianeta.

A 10 anni dalla stesura del trattato di Kyoto e a 2 dalla sua entrata in vigore per i paesi che l'hanno ratificato, gli USA mostrano nuovamente disinteresse sul rapporto tra il riscaldamento globale e l'emissione di gas serra, riproposto a Bali in questi giorni.

E pensare che gli Stati Uniti hanno regioni (come il New England) che da sole producono tanto biossido di carbonio quanto un grande paese industrializzato europeo (come la Germania).

Allora inquinando l'ambiente tutti potrebbero sentirsi un pò più americani...Terra di libertà!

 

Technorati Tag: ,,

martedì 27 novembre 2007

U.S.A e getta: il silenziatore sul Dal Molin!

Ahinoi, passata la tempesta, proprio non se ne parla più. Tutto tace; persino una ricerca sull'ansa è stata infruttuosa.

Un piccolo trafiletto beccato in giro su Internet riaccende qualche speranza, dalla flebile risonanza mediatica.

L'informazione, asservita al padrone di turno, collusa coi poteri forti, piegata ai doveri di partito, oramai si occupa quasi esclusivamente dei morti tinti di giallo della cronaca nera (!) scimmiottando il buon Lucarelli di Blu notte, quasi a dimenticarsi delle faccende dei vivi, che a morire (per le bombe Usa), proprio, non ci pensano.

E così, zitti zitti, i lavori per l'ampliamento (o meglio costruzione ex novo) della base americana sull'aeroporto Dal Molin, seppur rallentati dalla protesta, continuano, incuranti del dissenso della popolazione...SGRUNT!

E tu...cosa ne pensi???

Technorati Tag: , ,

giovedì 22 novembre 2007

Errata corrige: PdP

pdp - paperon de paperoni

Nulla è ancora deciso:
uno dei "papabili" è PdP (Partito del Popolo) ma, a mio avviso, suonerebbe più adeguato Paperon de Paperoni...o no?
:D
Technorati Tag: ,

martedì 20 novembre 2007

Un torneo di bocce, no?


Silvio Berlusconi, crea un nuovo partito...a 71 anni!!!
Ma un uomo arrivato a quell'età non desidera stare un pò a casa con la famiglia, stare coi nipotini, giocare a bocce con vecchi amici tromboni, guardare le partite in tv, stare in pantofole....caxxo le PANTOFOLE!!!
Dopo 50 anni che porta le scarpe con le solette rialzate ed i tacchi non si è stancato: non desidera un bel paio di ciabatte comode???
Ed invece che ti fa? Scioglie Forza Italia (era ora) e presenta l'alternativa al Partito Democratico: il Partito delle Libertà ovvero PD...L mooolto originale!
Avrà pensato che magari qualche suo coetaneo potrebbe sbagliarsi e votare per lui, chissà..."tecniche di marketing applicate"...oppure "paraculaggine acuta"...bah!
Siamo alla pornografia politica.
Technorati Tag: ,,

lunedì 19 novembre 2007

Asimov colpisce ancora


Anima di Isacco, mettici la mano tu! :P
BigG (Google, n.d.r) ne sforna un'altra delle sue: Android. In pratica, un sistema operativo per cellulari di ultima generazione, scontentando i molteplici appassionati di tecnologia e telefonia che per mesi hanno atteso lo scontro tra il tanto annunciato quanto misterioso "Googlefonino" ed il neonato di casa Apple: iPhone.
Parallelamente all'uscita del SDK (pacchetto per sviluppo applicazioni, n.d.r) Google, col preciso intento di stimolare la realizzazione di applicazioni per Android, ha indetto un interessante concorso a premi, il cui montepremi risulta essere un imponente gruzzoletto: ben 10 milioni di $!
Ma eccoci alle dolenti note: dal concorso, oltre ai soliti noti, antipatici agli USA (Cuba, Iran, Siria, Nord Corea, Sudan, Burma), anche i programmatori italiani e canadesi (del Quebec) sono stati esclusi, negando, nello specifico, la partecipazione per...
"impedimenti burocratici locali".
parole dell'Open Handset Alliance.
Da un lato potremmo gridare allo scandalo, ma dall'altro non possiamo di certo biasimare l'azienda che ha basato gran parte del suo successo sulla velocità dell'algoritmo di ricerca su Internet.
Il nostro Paese è così lento che nemmeno più i concorsi a premi vale la pena di fare!
Saremmo sempre e comunque il fanalino di coda! Tapini. :(
Technorati Tag: , ,

sabato 3 novembre 2007

Ne avevamo proprio bisogno!

Hai ragione Daniele, ne abbiamo troppo bisogno!

Finalmente torni il TV, grande LA7...non solo nella settimana scorsa ci ha regalato un ottimo Marco Paolini con "Il Sergente", racconto da brividi sulla campagna di Russia del '43, ma adesso il grande ritorno dell'ottimo Luttazzi: genio nostrano che non scende a compromessi.

Un solo appunto: IL SABATO ALLE 23.30!!! Dannazione è oltremodo tardi in un giorno oltremodo impegnato...la mia vita sociale subirà un duro colpo!

Ad ogni modo...IO CI SARO'! :D

Technorati Tag: ,

lunedì 29 ottobre 2007

Un gentiluomo (?)

l'imprenditore

CAMPOFILONE (Ascoli Piceno) - Per un mese ha provato a vivere con lo stipendio di un operaio. Dopo 20 giorni ha finito i soldi. Enzo Rossi, 42 anni, produttore della pasta all'uovo Campofilone, ha deciso allora di aumentare di 200 euro al mese, netti, gli stipendi dei suoi dipendenti, che sono in gran parte donne. Ha dichiarato di essersi vergognato, perché non è riuscito a fare nemmeno per un mese intero la vita che le sue operaie sono costrette a fare da sempre. Ha detto che "è giusto togliere ai ricchi per dare ai poveri".
fonte: http://www.repubblica.it/2007/10/sezioni/cronaca/industriale-operaio/industriale-operaio/industriale-operaio.html
Carino il Robin Hood de' noaRtri, eh? Di sicuro il sig. Rossi ne guadagnerà in ritorno di immagine per la sua azienda (Pastifico La Campofilone) ...ma sta di fatto che l'aumento l'ha dato ed almeno ha provato sulla sua pelle quello che significa "tirare la cinghia".
Chi sarebbe pronto a fare altrettanto? Ahimè credo, in pochi...

...a me me piace!


Da sempre particolare fascino ed interesse suscitano in me le cose che "fanno pensare". Che esse siano film, libri, programmi tv e musica...
Lo svago puramente edonistico lo lascio a circostanziati momenti della mia vita.
In questo mi sento particolarmente segnato dalla condizione della mia città, Napoli. Chiusa nella morsa della camorra, dell'immoralità della droga, dello stupro di generazioni alle quali è stata negata l'ingenuità dell'infanzia (costretti a crescere troppo in fretta).
Immerso in questo drammatico contesto sentire di non essere solo e sapere che gente vissuta della mia stessa periferia riesce ad esprimere sotto forma di arte i sentimenti di rabbia e angoscia è confortante.
Segnalo dunque l'autore che ultimamente ascolto con piacere: Luca Caiazzo, in arte Lucariello, neo cantante degli Almamegretta, al suo primo disco da solista.
Un mio coetaneo, nato dalle mie stesse parti che, con un album grigio dipinge una realtà che del grigio assume tutte le tonalità possibili fino al più torbido della cronaca nera...ma non solo: storie conosciute per chi vive questa realtà ma affatto banali!
Ci sono voci che cantano ancora. Che parlano del potere della televisione, di quel piccolo schermo pericoloso con il quale siamo cresciuti e che resta un amico del quale è meglio non fidarsi (Pistole, Puttane e Cocacola, Love Song). O che avvicinano i clandestini caduti dal gommone e cresciuti tra i pescatori di Napoli (Lunastella). Che ascoltano prostitute, tristi regine di notte (Queen of The Street), e disegnano giochi di spacciatori e speranze di ragazze madri lasciate e ancora in cerca di amore, pure se diverso. Ci sono canti che parlano ancora. E che ora sarebbe il caso di ascoltare.
Un dialetto spinto, pronunciato con l'orgoglio di chi non vuole rinunciare alle sue radici, di chi non vuole abbandonare, mai gettare la spugna...perchè, alla fine Napoli "a me me piace"!
Technorati Tag: ,

domenica 28 ottobre 2007

Testa o pancia?




Cogliendo la ghiotta occasione di rivedere Luttazzi in TV, col suo tipico Decameron, riflettevo, evitando le strumentalizzazioni previste e paventate dall'artista romagnolo, sul V-Day e sull'atteggiamento populista di Grillo.
Premesso che "LUTTAZZI NON E' CONTRO GRILLO" vado ad elencare un paio di dichiarazioni di Daniele sul caso V-Day:
  1. "Le mie riflessioni e le mie riserve sono circostanziate a certe cose dette da Beppe e soprattutto al modo con cui ha scelto di dirle. Proprio quando le intenzioni sono buone occorre fare attenzione al modo: il rischio è di danneggiarle."
  2. "La proposta di legge per cui Grillo ha raccolto 300mila firme mi sembra che faccia acqua da tutte le parti"
  3. "L'arte non è lo sfogo di pancia. Ha tempi più lunghi. Ma è inesorabile."
  4. "Grillo, ma va' a cagare, va'!"
dal blog di Daniele Luttazzi
Nonostante sia passato tanto tempo dall'8 settembre, mi piace tornare volentieri sull'argomento...e mi domando: è meglio uno sfogo di pancia immediato oppure uno di testa?
La satira in quanto forma d'arte, se tappata - vedi l'editto bulgaro -non può dare risultati!
Si accusa Grillo di populismo, demagogia, ambiguità....le ragioni di Luttazzi (il cosa e il come) sono condivisibili in pieno...ma, mi chiedo, un un'alternativa c'è?
In definitiva, è meglio un tentativo malconcio oppure uno non fatto?

Technorati Tag: ,

venerdì 19 ottobre 2007

Ma di cos'hanno paura???


Buh!
Cito:
La legge Levi-Prodi prevede che chiunque abbia un blog o un sito debba registrarlo al ROC, un registro dell’Autorità delle Comunicazioni, produrre dei certificati, pagare un bollo, anche se fa informazione senza fini di lucro.
fonte: BeppeGrillo.it
fonte: Repubblica.it

Ecco come risolvere i problemi di occupazione nel nostro paese: assumere un giornalista caporedattore per ogni blog.
Per quel che mi riguarda non credo che il mio blog, nonostante dica un frotto di irrinunciabili cazzate, meriti la spesa!
D'ora in poi solo i ricchi potranno permettersi il lusso di esprimere le loro opinioni, i loro pensieri, le loro baggianate.
Ancora una volta politica ed informazione strette a doppi nodi...come dire: le regole di buon vicinato di casta!
Di quante belle libertà si gode in (i)talia!
Technorati Tag: , , ,

lunedì 15 ottobre 2007

Simpsonizzati anche tu!

Technorati Tag: ,


Giranzolando, come di consueto, in rete stasera mi è capitato di imbattermi nel servizio essenziale per eccellenza...Il Simponizzatore!

Ammettiamolo, tutti almeno una volta nella vita, abbiamo sognato di diventare come il nostro eroe dei cartoni animanti/fumetti....oggi ci viene data, finalmente, la possibilità.

Suvvia, fai come me, crea il tuo avtar giallo Simpson!

www.simpsonizeme.com

domenica 14 ottobre 2007

Quanto inquina un aereo di linea?



Nelle grandi città, ma ormani anche nei piccoli centri, i sindaci sentono sempre più spesso il bisogno di bloccare il traffico, limitare la circolazione delle automobili, sensibilizzare i cittadini verso il problema inquinamento. Questo lo fanno, sì per un problema reale, ma principalmente per uno legato all'ordinamento legislativo. Infatti esiste una legge che impone per le città un tetto massimo di giornate "rosse", ovvero dove il livello di CO2 e polveri sottili supera il limite consentito (stabilito da una commissione di esperti), superato il quale dovrebbero scattare delle soluzioni "drastiche" al problema.

Una stima per difetto paragona l'inquinamento di ogni aereo a quello di 500 auto Euro 0. L'aeroporto di Malpensa, ad esempio, equivale a 300.000 auto al giorno, quello di Linate a 150.000 auto, quello di Capodichino (Napoli) conta 142 movimenti (decolli e atterraggi) al giorno di media giornaliera, equivalente a 71.000 automobili Euro 0 che si aggiungono alle molteplici auto sprezzanti dei blocchi del traffico che, ahimè, circolano nella già martoriata zona.

Fonte: http://wwww.ecplanet.com/

Fonte: http://www.portal.gesac.it/portal/page/portal/internet/inGESAC/AeroportoCifre/DatiScalo

L'effetto riscaldante combinato di CO2, ozono, vapore acqueo e scie di condensa è circa 3 volte più grande di quello della sola CO2 collegata agli elevatissimi consumi di carburante. Per questa «triplicazione», già oggi - precisa il California institute of technology - il trasporto aereo provoca circa il 10% dell'effetto serra mondiale. E l'industria dell'aviazione prevede una triplicazione dei voli da qui al 2050; infatti, ultimamente si vedono in giro i cartelloni che pubblicizzano i voli sempre più low-cost: prezzi stracciati per grandi danni...ovvero come esternalizzazione i costi! Sia in termini di sgravi fiscali agli aereotrasportatori che in termini di impatto ambientale e, quindi dei costi legati alle malattie provocate dall'inquinamento atmosferico.

Costi che nessuno mai calcola. Alcuni ricercatori, però, hanno creato un modello di simulazione (anch'esso in Java...grrr!) che, calcolando preventivamente l'impatto ambientale di un volo, danno una risposta in termini di convenienza ecocompatibile ad un ipotetico viaggio.

Fonte: http://www.climatecare.org/


Technorati Tag: , ,

venerdì 12 ottobre 2007

Vita lunga, vita veloce (in the jappa world)


Vittorio Foa (97 anni), disse una volta al Corriere della Sera:

"Nonostante le sue nequizie ho sempre amato il mondo e esso mi ha ricambiato."

Eh?!? Cos'altro aggiungere? Forse il suo pensiero più famoso e basta:

"Si é antifascisti quando si rispetta l'Altro, quando se ne riconosce la legittimità nell'atto stesso di contrastarlo e di combatterlo, quando non si pretende di distruggerlo e nemmeno di assimilarlo, cioè di ridurre il suo pensiero, la sua identità al nostro pensiero, alla nostra identità. L'Antifascismo é l'ansia di intervenire contro l'ingiustizia, piccola o grande che sia, di intervenire contro ogni minaccia di libertà; é pluralismo politico e sociale, cioè legittimazione delle differenze; é la democrazia come partecipazione e non solo come garanzia; é il rifiuto di ogni delega globale."

Technorati Tag:

giovedì 11 ottobre 2007

Prendersi cura del nuovo nato!


Per tutti quelli che...hanno in tasca il nuovo l'iPod, per tutti quelli che...iTunes proprio non lo capiscono o non lo vogliono capire...per quelli imbranati...per quelli smanettoni con "n" sistemi operativi sotto mano...e per tutti...del resto!
Oggi vi presento e presento a me stesso (grazie all'aiuto di qualche anziano utilizzatore) delle valide alternative.
Il primo della serie è il buon che è una applicazione gratuita con un sistema efficente per gestire il proprio Ipod sotto Mac Os X, Windows e Linux. Può essere copiato direttamente sul proprio Ipod ed avviato direttamente da quest'ultimo perchè non ha bisogno di installazione.
Il secondo è il più aggraziato , in quasi tutto simile al precedente, ma degno di segnalazione per la simpatica funzione di codifica diretta dei video e dell'audio da Youtube e MySpace (necessita l'installazione di FFmpg), codificando ed inserendo il video direttamente all'interno del vostro iPod video.

-->
Floola, ovvero gestire l'iPod senza iTunes
[i]PodMania.it, il sito degli iPod Maniaci - Giovedì 11 Ottobre 2007
Citazione dell'articolo a riguardo
Segnalo, infine, una (eh!) utilissima tabella di comparazione tra i diversi iPod Manager presenti sul mercato, che suddivide gli applicativi per sistema operativo, per funzionalità e, non ultimo, per costo!
it.wikipedia.org
Freeware a go-gò! :D

mercoledì 10 ottobre 2007

.Net è Rock, Java è lento



Oddio è ovunque....anche sulla cioccolata!!!
Vabbè che è solo al 39%....dannato open source (!)

ehm...mento, sapendo di mentire! ;)

lunedì 8 ottobre 2007

Blog Action Day 2007




Bisogna tenersi pronti, fare, dire (e non solo baciare), scrivere lettere, fare testamento...ai posteri. Una promessa di un futuro pulito, ma soprattutto un presente vivibile che abbia le condizioni per mantenerla.

Lo scrivere: scriverò un post relativo all'argomento ambiente, il 15 ottobre, dando il mio contributo al Blog Action Day 2007.


Telecom Italia sucks!


Un giorno, uno come tanti...alzo la cornetta: nulla, muto, deserto...ma chi, ma come, ma chi cazzo! (parafrasando il caro Alex Drastico).
Non c'è linea! Urgh...accendo il modem...non c'è l'adsl!
NOOOO...maledetti, passi il telefono, ma l'adsl non resisto! Ha inizio istantaneamente il giro d'Italia (tutte le regioni) dei call-center 187, fax, insulti e bestemmie... Dicevano: "è un guasto diffuso nella zona" ed in quel preciso istante squilla il telefono del mio vicino :| "è un guasto dalla centrale...a macchia di leopardo"..."un problema di rete" Dopo quasi 20 giorni, per puro caso scopriamo che c'è 1 fusibile ossidato nella cassettina (il famoso ultimo miglio!) che porta la linea in casa, una volta diligentemente scrostato...magicamente, tutto è ritornato quasi a funzionare!!!

Non ho parole...solo un flebile olè per la connessione riattivata!
Che dire...pagando il canone il servizio...è garantito!!!

venerdì 5 ottobre 2007

...a futura memoria!

(a buon intenditor...poche parole!)

Nello sviluppo di applicazioni WPF la formattazione di date, numeri o informazioni provenienti da database in funzione della lingua dell'utente è d'obbligo.

Nel .NET Framework l'oggetto Thread possiede due proprietà CurrentCulture e CurrentUICulture di tipo CultureInfo che indicano rispettivamente la lingua da usare per la formattazione di numeri e date, e la lingua per la nazionalizzazione delle risorse.
Normalmente queste proprietà sono automaticamente impostate in base al sistema operativo e vengono sfruttate da ASP.NET o WinForms.

In WPF però non è così e l'informazione della lingua è affidata alla proprietà Language, per default impostata su en-US, definita in FrameworkElement e in FrameworkContentElement.

La proprietà Language viene ereditata dagli elementi padri che la valorizzano perciò è possibile creare interfacce miste che mostrano contenuti con formattazioni di lingue diverse. In alternativa basta impostare o da codice o da markup la lingua a livello di Window o Page e per avere l'intera pagina formattata.

E non dite che non vi avevo avvisati! :D

mercoledì 3 ottobre 2007

Alla faccia di Darwin

New Piggy: StrapyaWorld (costo 15 €)

L'evoluzione della specie: anche il classico porcellino, custode integerrimo dei tanto sudati risparmi, ha subito mutazioni per selezione naturale...o meglio tecnologica!

Basta rubare dal porcellino: non si scassina oppure accedi solo tramite fingerprint (idea)!

Basta rompere il porcellino: è di gomma!

Basta alla monotonia delle forme: è uno sballo!

lunedì 1 ottobre 2007

Piccoli standard grafici crescono...


Nuovi standard si impongono!
Conoscere le caratteristiche tecniche degli schermi in uso è elemento di grande importanza per ottimizzare i propri siti, renderli più gradevoli e accattivanti.
Da una ricerca ShinyStat sulle caratteristiche tecniche degli schermi in uso da parte dei navigatori mostra come la dotazione media sia radicalmente cambiata rispetto agli anni passati.
800X600 addio!
Ancora oggi diversi webmaster guardano all'800X600 come la risoluzione base da tenere presente per la costruzione delle proprie pagine Web. Ma il dato ricavato da Shinystat dimostra che tale risoluzione è appannaggio ormai di una sparuta minoranza: solo il 7,5% delle visite proviene da Pc con tale risoluzione, tipica dei monitor 14 pollici di antica memoria. Il nuovo formato di riferimento è il 1024X768, da cui proviene circa una visita su due, precisamente il 47,5% di visite. Monitor Lcd per computer desktop e notebook hanno portato questa risoluzione a essere ormai la base della stragrande maggioranza dei navigatori.
Colori a milioni!
Una volta lo standard colori dei monitor era il cosiddetto 65K, cioè 65.656. Ora è più facile trovarlo per un cellulare di ultima generazione. Il nuovo standard è quello dei 16 milioni di colori, a 32 bit.
Anche questo è il segno dei tempi tecnologici
Si ripropone quindi per i webmaster il problema della preferenza da accordare a una risoluzione in fase di progettazione di pagine oppure allo sforzo di rendere il proprio sito adattabile a tutte le risoluzioni e combinazioni di colori più vicine alla realtà.
Forza e coraggio, mani al codice...e via col restyling! :D

venerdì 28 settembre 2007

Ma 9x9 farà 81?




Microsoft Excel 2007 sbaglia le moltiplicazioni
di
Fabio Boneschi
“Un errore in fase di visualizzazione del risultato è alla base di un
grosso problema relativo a Microsoft Office 2007”

Effettuando alcuni specifici calcoli come ad esempio 77,1*850 il risultato visualizzato da Excel 2007 è 100.000 anzichè 65.535.; altre combinazioni di calcolo aventi per risultato 65.535 sono affette dal medesimo errore. Salta subito all'occhio che il risultato atteso non è certo un numero qualsiasi ma è il valore più grande rappresentabile utilizzando 16 bit.
Il problema non viene negato da Microsoft che però fa notare come l'errore sia solo in fase di visualizzazione del risultato nella cella, infatti, effettuando successivi calcoli in cui si prende come dato iniziale il precedente risultato di una delle moltiplicazioni in oggetto si perviene a un risultato corretto. Si evince, quindi, che Excel 2007 non sbaglia a fare i conti ma solo nel presentare i risultati: magra consolazione.
Questo dettaglio non è sfuggito a Microsoft che nel proprio post di spiegazione cita proprio tale notazione e richiama altre problematiche legate ai calcoli in virgola mobile e alla notazione binaria. Una descrizione precisa è disponibile qui.

E' già in sviluppo un apposito fix...no problema! (fiuuuuu) :D
Come ogni programmatore ben sà, il bug è dietro l'angolo! :

giovedì 27 settembre 2007

BE IT, BE COOL



BE-IT: esserlo, sillo, facci (alla Fantozzi!)...ma fallo COOL! ma cos'è?

Segnalo la nuova comunità made in Microsoft, nata nell'ambiente informatico (targato Technet), che promette, a quanto pare, una rivoluzione nella comunicazione di contenuti utili agli appartenenti alla casta (codice, linee guida, idee, business)...

Sfido il lettore a capire più o meglio di me la presentazione del sito:(http://www.microsoft.com/italy/beit/default.aspx)

Fico il logo, eh?

Differenze d'età: 9/28



C'è chi: "lei dev'essere più piccola", chi: "al massimo 1 anno", un'altro: "a me basta che si sta insieme"...ancora chi: "lui più piccolo, è meglio"...
Ed io che sto con un infante: 9 anni!
Ma ancor prima c'era Virgilio, Altavista, Yahoo!, Supereva...
Coi miei 28 anni, mi sento un arcano della navigazione! GASP...

Google festeggia con me il suo compleanno: dovrei offrirgli da bere? Ma cosa beve un motore di ricerca, gli faccio una query, và!

mercoledì 26 settembre 2007

Favorisca le generalità: nome, cognome e...blog!


Troppo spesso capita, ormai, di imbattersi in blog di scarsa qualità, poco leggibili, con font o combinazioni di colore di dubbio gusto, approssimativi insomma...
E' questo il bello di Internet, no? Ognuno dà il suo contributo cacciando il meglio di sè...giustissimo! Ma la grande rete può essere una dolce mamma e buona consigliera!
Ti fa crescere prendendo spunto dagli altri: impara l'arte e mettila da parte; prendi esempio dal migliore; ricorda che l'erba del vicino è sempre più verde.
Ed allora, orsù, tu che hai ancora quel blog così "scrauso"...guardati in giro, annusa l'odore di nuovo, assapora l'ignoto, naviga per nuovi mari, cibati di primizie, degusta il vino novello...sii originale!
W blogspot ;)

martedì 25 settembre 2007

Anche i ricchi piangono...


"Ue vs Microsoft, Bruxelles boccia il ricorso Finanzaonline.com - 17.9.07/09:23

L'Unione europea non torna sui suoi passi e boccia il ricorso presentato da Microsoft. E' arrivata puntuale, poco dopo le 9.30, l'attesa sentenza in tema di concorrenza in Europa, che vede su due blocchi contrapposti la commissione europea e la Microsoft. Una posta in gioco davvero alta per la società di Redmond: una prima multa, record assoluto per la comunità europea, pari a 497 milioni di euro commissionata nel 2004 per abuso di posizione dominante, e una seconda di 280 milioni di euro per incompleto rispetto alla decisione di Bruxelles. Adesso, al big dei computer non resta che giocarsi la carta di impugnare di fronte alla Corte di giustizia europea per il secondo grado di giudizio.

Una sentenza che va sicuramente oltre il valore economico. In gioco c’era il futuro dell’intera politica dell’antitrust nel settore delle tecnologie, vale a dire il ruolo di Bruxelles come regolatore e garante assoluto della libera concorrenza in un libero mercato.
Per il contenzioso, che ha avuto inizio nel 1998 su segnalazione della Sun Microsystem, tra i punti che Bruxelles ha contestato al colosso fondato da Bill Gates c'è lo sfruttamento della sua posizione dominante per imporre il proprio Media Player, offrendolo in automatico in tutti i computer venduti. Stando a quanto afferma Bruxelles, questo avrebbe posto fuori mercato la concorrenza e privato i consumatori di libertà di scelta.Dopo la salata multa, Microsoft ha dato seguito alla richiesta di Bruxelles di offrire sul mercato pc con Windows privo di MediaPlayer. Sono in molti, però, a dichirare, che è stato un vero fallimento. "

Vuoi vedere che questa è la volta buona che M$ non farà più piratare i suoi sistemi???
D'oh!

lunedì 24 settembre 2007

Ipod o Zune: questo è il problema!


...secondo quanto riporta Zune Scene, da una loro fonte interna all'azienda di Redmond, la data prevista per il lancio dovrebbe essere il 16 ottobre 2007.
Sembrano confermate le due versioni, una basata su memoria flash l'altra su hard disk. Nel primo caso i tagli dovrebbero essere da 4GB e 8GB e la navigazione nei menu affidata allo 'squircle', oggetto al momento misterioso. La versione basata su disco rigido dovrebbe essere invece disponibile con 80GB di memoria e sfoggiare lo stesso dispositivo di navigazione, questa volta accompagnato da un display pensato per la riproduzione di contenuti video.
- Display più brillante, più ampio, con risoluzione di 320x240 e il 65% più luminoso.- Interfaccia software "Cover Flow"- Corpo in alluminio anodizzato e brillante acciaio inossidabile

Questo, però, ancora esclusivamente in USA! :(
Intanto in Italia sta per sbarcare il nuovo piccino di casa Apple: l'Ipod nano completamente ristrutturato....
- Fino a 5 ore di filmati, podcast e altri contenuti video.
- Spessore di 6,5 mm
Quale sarà il mio prossimo gadget elettronico??? La guerra continua...

Dammi una mano...dammi una mano


NAPOLI - Minacce allo scrittore che ha raccontato la camorra imprenditrice e le storie della faida di Scampia. Lettere minatorie, telefonate mute. E anche un isolamento ambientale che mette paura forse più delle intimidazioni. Adesso dovranno essere adottate nuove misure di protezione per Roberto Saviano, 28 anni, l'autore del libro-inchiesta "Gomorra", edito da Mondadori, da cinque mesi in testa alle classifiche e vincitore del premio Viareggio Repaci. Il prefetto di Caserta, Maria Elena Stasi, ha aperto un procedimento formale che passerà al vaglio del comitato provinciale per l'ordine pubblico. Lo rivela il settimanale "L'espresso", con il quale Saviano collabora, nel numero che sarà in edicola oggi. Esponenti di primo piano della camorra campana come Michele Zagaria e Antonio Iovine, il più celebre Francesco Schiavone soprannominato "Sandokan", "hanno mal tollerato - si legge nel lungo servizio - il successo di Gomorra, che ha imposto i loro traffici all'attenzione nazionale".
(13 ottobre 2006)
http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/cronaca/scrittore-sotto-scorta/scrittore-sotto-scorta/scrittore-sotto-scorta.html
Ero un bimbo, giocavo ed ascoltavo (mio malgrado) una canzone degli, allora, CCCP. Tuonava così: "Dammi una mano, dammi una mano ad incendiare il piano padano"...col passare degli anni l'ho trasformata a mio uso e consumo, storpiandola in: "Dammi una mano, dammi una mano ad incediare Secondigliano".
Ovviamente non è un appello ai piromani, anche perchè lì ci vivo, ma un avvilito grido di sfogo...zone di Secondigliano, come molte altre dell'hinterland napoletano e casertano è così come descritto dal libro di Roberto Saviano. A lui và tutta la mia ammirazione e solidarietà per quello che ha fatto e per quello che adesso è costretto a subire.

Second Life: inquinamento elevato alla seconda?


causa -------------------------------> effetto

VIVERE SU "SECOND LIFE" INQUINA IL MONDO REALE.

"Dietro agli avatar e alle case di pixel si nascondono 4 mila server che macinano elettricità e contribuiscono a distruggere l'ambiente: un abitante del metaverso produce le stesse emissioni di dieci cittadini del Camerun.
Collegarsi all'universo virtuale di Second Life inquina: i 4 mila server che funzionano notte e giorno per tenere in vita il metaverso e i 12 mila 500 computer quotidianamente connessi consumano una quantità di energia non trascurabile. Per ogni avatar che si muove dentro Second Life, insomma, sono necessari in media 4,8 kWh al giorno: dieci volte il consumo medio di un qualunque abitante - reale - del Camerun, la stessa quantità di un cittadino brasiliano. La sproporzione aumenta ancora, se oltre ai bisogni dell'avatar, consideriamo anche quelli del suo reale utilizzatore, perché ovviamente il problema non riguarda solo Second Life, ma coinvolge tutte le attività quotidianamente svolte con un computer che, vista l'onnipresenza del mezzo informatico, ormai richiedono una quantità di energia non indifferente e forse non sostenibile."

In effetti non bastava già l'inquinamento della "prima vita", ci voleva anche la seconda! E pensare che credevo che "il gioco valesse la candela"...volevo costruirmi la mia software house virtuale...e fare un sacco di soldi.
Giuro: non ci vivo più lì!
E fare un server ad energia solare no? oppure un pc a vento? Lavorare da fuori al balcone?

domenica 23 settembre 2007

La casta trema!


Da sempre siamo abituati ad un certo tipo di politica, fatta in un certo modo dai soliti noti. Ormai da qualche settimana questa classe politica è in fibrillazione, si arruffa, balbetta, ha PAURA! Hanno paura, non solo di essere scalzati dalla loro ben rifinita poltrona, ma che il turbinio di vantaggi possa finire per tutti...per la CLASSE POLITICA intera.
Allora, per risposta, cosa fanno? Ringhiano, si arruffano, accusano di demagogia, di qualunquismo, si arrampicano sugli specchi insomma. Accusano Grillo di voler scendere in politica (quindi di fare lo stesso gioco loro?) e criticano migliaia di persone di seguire un pifferaio magico (fare scelte sbagliate quindi? ma gran parte sono loro elettori, sciocchini!).
L'8 settembre 2007 in poche ore si sono raccolte più di 300 mila firme (332.225 di preciso).

Occhi


" ...con questo strumento tutti coloro che hanno occhi malati possono vedere ingrandita anche la lettera più piccola.".

Le lenti divennero occhiali dopo circa 20 anni di perfezionamento. La loro invenzione viene da molti attribuita al frate Alessandro della Spina, nel 1280.

...mio omonimo! 8-)

Spider Pork o Spider Pig?

Il giorno di andare al cinema a vedere I Simpson - Il film è finalmente arrivato! La colonna sonora delle mie giornate d'ora in avanti è cambiata... si chiama Spider Pork!!! ¯¯

L'arcano è risolto: Spider Pig è, nella versione originale made in usa, la colonna sonora ed il jingle che canta Homer. Spider Pork, invece, è nella traduzione italiana, la genialata inventata dal virtuosissimo Tonino Accolla, doppiatore ufficiale del giallo hometto.