mercoledì 15 ottobre 2008

XO: un modo per sconfiggere la povertà (?)


C'era una volta...


"La parte più piccola dell'informazione digitale: il bit!"
— Nicholas Negroponte, Being Digital

E c'è ancora, per fortuna! Ma non è di questo che voglio parlare oggi, bensì di come un ambizioso progetto industriale possa sconfiggere il Digital Divide ed avere, come conseguenza a lungo termine, il miglioramento delle attuali condizioni di povertà dei paesi del terzo mondo.

Il fondatore di Wired, Nicholas Negroponte, è infatti il presidente della organizzazone no-profit OLPC (ONE LAPTOP PER CHILD), creata per sovraintendere al progetto del laptop da 100$, avviati alla produzione industriale su larga scala nel mese di luglio del 2007.

A questa ong hanno partecipato, donando 2 milioni di $ ciascuna, aziende del calibro di Google, Red Hat e AMD.

L'XO crea la sua propria rete mesh in maniera autonoma. Ogni macchina si
comporta da router senza fili a tempo pieno. I bambini nei punti più remoti
della Terra, come pure i loro insegnanti e famiglie, saranno connessi sia fra
loro sia all'Internet.
Esso comprende uno schermo da 7.5 pollici con risoluzione da 1200x900 pixel, schermo TFT e display autorinfrecante con risoluzione più alta (200 DPI) del 95 per cento dei laptop attualmente in commercio. Due modalità sono disponibili per lo schermo, una normale a colori ed una riflessiva ad alta risoluzione che può essere letta in piena luce solare.
Tutte e due consumano pochissima corrente; la prima consuma un watt, un settimo
dello schermo normale LCD; la seconda consuma addirittura soltanto 0.2 watt.
Il portatile sospende selettivamente la CPU, ciò che rende possibili
risparmi energetici di tutto rispetto. Il portatile consuma nominalmente due
watt - meno di un decimo del portatile standard - così poco che il portatile XO
può essere ricaricato dalla forza muscolare. Questo è un vantaggio di critica
importanza per il mezzo miliardo di bambini che non ha accesso
all'elettricità.


“È un progetto educativo, non solo un semplice portatile.”
— Nicholas Negroponte


Adesso è possibile, attraverso il sito dell'organizzazione, seguire tutte le evoluzioni del progetto -già attivo in Sud America, Sud Africa, Libia e Thailandia - ed, eventualmente, donare un laptop ad un bambino.

sabato 4 ottobre 2008

Nintendo DSi



Per la serie "appena fuori dal negozio ti accorgi che è uscita la nuova versione" di quello che hai comprato.

La Nintendo ha appena presentato in Giappone l'aggiornamento del suo DSLite, ristilizzandolo ed aggiornandolo di nuovi esaltanti contenuti, rinominandolo per giunta DSi (la i, si suppone stia per Internet).

Le novità sono:
dimensioni ridotte rispetto al DSLite (per l'eliminazione del vano cartucce GameBoy)
doppio display da 3,25 pollici, in vista del precedente 3 pollici
fotocamera da 3 megapixel esterna
fotocamera da 0.3 megapixel interna (compatibile con alcuni giochi)
sistema audio (microfono e casse) migliorato
brower per collegarsi ad internet
canali wiiware per scaricare software nintendo
lettore mp3
possibilità di collegarlo alla wii

Questo è il video della presentazione giapponese:
http://www.nintendo.co.jp/n10/conference2008fall/mov/ds.html

Ah, dimenticavo, in Giappone uscirà a Natale, in Europa, si spera, per la primavera del 2009!
Io spero ritardi un pò, giusto il tempo di godermi il mio DSLite (ecchecavolo!) :D