sabato 27 agosto 2011

I media


In questi anni io ho compreso l'importanza del confronto mediatico. Quando dietro non ci sono il vuoto, il gossip, la trama di finzioni che non fanno altro che distrarre e consolare, ma ci sono la voglia e il desiderio di tanti di sapere e di cambiare, perchè non possono essere usati tutti i mezzi, i media, possibili per unire le forze? Perchè averne sospetto o paura?
Ma in fondo la capisco, quella paura. [...] mi chiedono sempre: «Ma lei non ha paura?» [...] «No» rispondo subito, e lì mi fermo. Poi mi capita di pensare che chissà quanti non mi crederanno. Invece è così. Davvero. [...] La peggiore delle mie paure, quella che mi assilla di continuo, è che riescano a diffamarmi, a distruggere la mia credibilità, a infangare ciò per cui mi sono speso e ho pagato.
Roberto Saviano, La bellezza e l'inferno

giovedì 25 agosto 2011

La lingua napoletana

(Tavola Strozzi - Napoli del XV sec., autore ignoto - 1472)
Al napoletano voglio bene e lui pure me ne vuole. [...] Gli voglio bene perchè mette forza di raddoppio "ammore", al posto del più delicato amore, e nel "dimmane" che dev'essere migliore del solito domani.
Erri De Luca, Alzaia

martedì 23 agosto 2011

Imparare a stare al gioco...della vita.

(i giocatori di carte - Fernando Botero, 1989)
Numquam ruere in ludendo: non ti arrabbiare quando giochi. Questo consiglio è di Chitarella, leggendario maestro di giochi di carte come il tressette e lo scopone. [...]
Accetta il consiglio di Chitarrella e se perdi, non te la prendere. Da arrabbiati si gioca peggio. E poi non è colpa della sfortuna. È più sicuro che tu abbia giocato male o gli altri meglio.

Erri De Luca - Alzaia, Carte